Recent Posts

mercoledì 19 ottobre 2011

Tesoro di San Gennaro e Pizza Ortolana

matematicaecucina- 15 ottobre 2011

Il post di oggi è un invito a visitare una straordinaria mostra che rimarrà aperta a Napoli fino al 6 gennaio e che vi permetterà di ammirare "i Gioielli più preziosi del mondo", quelli del Tesoro di San Gennaro.

matematicaecucina- 15 ottobre 2011

Il patrimonio di San Gennaro ammonta a quasi 22.000 pezzi e vanta un primato su tutti: è più prezioso di quello dei reali d’Inghilterra. Inoltre, per merito dell’antica istituzione della Deputazione della Real Cappella di San Gennaro, nata per un voto della città nel 1527, è l’unico tesoro al mondo rimasto intatto, non avendo mai subito spoliazioni, né finanziato guerre, né subito furti. Lo stesso Napoleone, noto più per le sue razzie d’arte, fece dono a San Gennaro, tramite il cognato, Gioacchino Murat nel 1808, di un ostensorio di superba bellezza. Questo pezzo insieme ad altri nove rappresenta le “10 meraviglie” di proprietà di San Gennaro, tutte esposte al Museo del Tesoro insieme al busto del santo, dono di Carlo d’Angiò.
La mostra è un'occasione unica per vedere le "10 meraviglie" perché esse non sono esposte al pubblico ma sono gelosamente custodite lontano da occhi indiscreti, in misura maggiore nei caveau del Banco di Napoli.
Tra i cosiddetti 10 “Top Lots”, spicca una collana del 1679, tra le più preziose al mondo, con 13 maglie di oro massiccio, 700 diamanti, 276 rubini e 92 smeraldi, donata dai Borboni

Foto web

e una mitra in oro e argento con circa 3000 diamanti, 190 smeraldi e 170 rubini. Bellissima e di inestimabile valore è anche la croce di smeraldi e diamanti.


Foto web
Foto web




 


Io ho visto la mostra sabato scorso e ve la consiglio, la bellezza degli oggetti vi rimarrà negli occhi e nel cuore.
Suggestiva è anche la sede museale, la cripta del Duomo di Napoli. 

Duomo di Napoli
matematicaecucina- 15 ottobre 2011

Palazzo del Museo
matematicaecucina- 15 ottobre 2011

Quale piatto si può abbinare al Tesoro del Santo più famoso della Chiesa Cattolica, i suoi devoti sono più di 25 milioni e sono sparsi in tutto il mondo, se non la napoletanissima pizza, che conta a sua volta milioni di estimatori nei cinque continenti? 


Con questo post partecipo al contest



Pizza Ortolana



Ingredienti per l'impasto:
250 farina manitoba per me de il Molino Chiavazza
140 ml di acqua tiepida
mezzo cubetto di lievito
1 cucchiaino scarso di sale fino
2 cucchiai di olio evo
per farcirla:
sugo di pomodori pelati
scamorza fresca
1 zucchina piccola
1 melanzana piccola
olio di arachide per friggere
olio evo per la salsa
origano
sale


Ho impastato sulla spianatoia tutti gli ingredienti e fatto riposare la pasta fino ad avvenuta lievitazione, ci vorrà almeno un'ora.
Ho mondato le verdure, tagliato a fettine sottili la zucchina e a tocchetti la melanzana, e le ho fritte separatamente in abbondante olio di arachide.
Ho messo il sugo in una terrina, ho aggiunto un cucchiaio d'olio ed il sale per condirlo. Ho steso la pasta nella teglia da pizza, ho disposto sopra la salsa ed ho spolverato di origano.


Ho infornato a 250° per circa 10 minuti. Ho tolto dal forno la pizza ed ho farcito con la zucchina ed la melanzana fritta e con la mozzarella tagliata a dadini.


Ho infornato ancora per completare la cottura, ancora 7/10 minuti.





10 commenti:

Stefania ha detto...

peccato essere così lontana, sembra molto interessante e ben curata. un bacione

Luca and Sabrina ha detto...

Abbiamo apprezzato tantissimo questo post così come la pizza che all'ortolana piace a tutti e due. Siamo in Liguria e la lentissima connessione ci ha impedito di inserire la Corona di Nutella prima d'ora. Considera che per postare tre commenti e visitare il tuo blog, c'è voluto più di un ora.
PS
Oggi ho iniziato a leggere "La Meraviglia delle piccole cose"
Un baciottone da tutti e tre!

meris ha detto...

Che meraviglia! Quiesto post è fantastico..

LaMagicaZucca ha detto...

Che peccato..causa la lontananza..non poter vedere la mostra.In compenso mi godo la pizza!!!

simonaskitchen ha detto...

Laura!!! Grazie!!! E' un post bellissimo, come immaginavo il livello di preparazione delle bloggers è elevato! Oltre alle ricette sempre nuove ed interessanti, avete una sensibilità all'arte e alla cultura elevata!
Ti ringrazio davvero di aver partecipato al contest, anche io ho problemi per visualizzare i pulsanti dei followers, pare sia un problema di blogger... Simo

Patty ha detto...

Odio Blogger. Oggi non mi fa vedere nemmanco una foto! Che rabbia. Ma l'info sul tesoro di S. Gennaro mi ingolosisce molto e spero di poter fare un salto. Sulla pizza ortolana, mi fido ad occhi chiusi, sarà sicuramente fantastica. Un abbraccio. PAtrizia

Chiaretta ha detto...

La mia mamma è andata a vedere la mostra, ne è rimasta affascinata! Perfetto il piatto che hai abbinato!! :-)

Un'arbanella di basilico ha detto...

Che meraviglia di mostra e poi San Gennaro è un santo simpatico, perdonami il termine, non rigido e ascetico come altri! Mi piacerebbe vedere la mostra. Mi farò un giro sul web. Sulla pizza non faccio commenti perché sono di parte: mi piace comunque :)
Baci

Sandra M. ha detto...

Bellissimi gioielli e interessantissima mostra....ma quella pizza...mmmm....

Ilaria ha detto...

Una mostra molto interessante... così come il piatto che l'accompagna. Come si può non essere conquistati da questa pizza?!!