Recent Posts

mercoledì 30 marzo 2011

TORTA DI MELE




Quando preparo questo dolce ripenso sempre a delle persone speciali con le quali ho trascorso cinque anni importanti della mia vita: sono gli alunni di una classe di un Istituto di Angri, a cui, negli anni novanta, ho insegnato matematica dalla prima fino al diploma. Li conobbi fragili ed incerti adolescenti e li lasciai uomini e donne pronti ad affrontare con sicurezza la vita, maturati anche dalle tante esperienze scolastiche fatte insieme. Il corso che frequentavano era un corso sperimentale, il Brocca, che nasceva in quella scuola proprio con loro e c'era tanto entusiasmo sia da parte degli alunni che dei docenti nell'affrontare quella nuova avventura. Fra le tante attività, il quarto e quinto anno realizzammo, nell'area di progetto, un interessante studio sulle industrie conserviere della zona dell' Agro nocerino-sarnese partendo dalle origini ed arrivando a simulare una impresa vera e propria. In quei due anni organizzammo varie conferenze con imprenditori, politici, docenti universitari che approfondirono i temi affrontati durante il progetto. Alla fine di ogni riunione diventò consuetudine congedare gli ospiti offrendo loro un buffet preparato dagli allievi. Era un importante momento conviviale dove gli alunni erano orgogliosi di farci assaggiare le specialità realizzate da loro o dalle mamme. Io, già allora appassionata di cucina, mi facevo dare tutte le ricette dei dolci che mi piacevano particolarmente. La ricetta di quest'ottima torta di mele è stata scritta da un'alunna di quella classe e rimane nel mio ricettario fra i ricordi più cari.
Alcuni di questi allievi li ho ritrovati su Facebook.

Ingredienti:
300 gr di farina
800 gr di mele
200 gr di zucchero
150 gr di burro
4 uova
un bicchiere di latte, una bustina di vaniglia, una bustina di lievito per dolci

Sbucciare le mele, tagliarle a fettine sottili e pesarle. In un terrina montare il burro e lo zucchero, aggiungere uno alla volata i tuorli d'uovo e la farina sempre poco per volta. Sciogliere la bustina di lievito nel latte insieme alla vaniglia e versare il liquido nel composto. Infine unire le mele tagliate a fettine sottili precedentemente immerse nei 4 albumi montati a neve. Cuocere a fuoco 170/180° per circa tre quarti d'ora.





















Testo originale





Filetti di gallinella al pomodoro

 
Stamani vi posto la ricetta semplice semplice di un secondo di pesce davvero gradevole. Il pesce che ho utilizzato è la gallinella, o coccio, che si pesca in tutto il Mediterraneo ed ha carni gustose e sode. Preparo il piatto con il pesce fresco, che si trova al mercato tutto l'anno, oppure con i filetti suegelati il risultato è comunque ottimo. Se si usa il pesce fresco la preparazione è anche veloce, meno di mezzora.

Ingredienti:
filetti di gallinella
pomodoro pelato
olio evo
aglio
sale
origano

In una padella antiaderente, preparate un sughetto con i pomodori spezzettati grossolanamente, l'olio, l'aglio tagliato a fettine, sale e origano.



Fate cuocere, a padella coperta, su fuoco moderato, per 5 minuti in modo da far addensare il sugo. A questo punto aggiungete i filetti di pesce.




Continuate la cottura ancora per una ventina di minuti. Impiattate e servite caldo.




venerdì 25 marzo 2011

PLUMSOFFICE



Faccio questa ricetta quando aprendo il frigo mi rendo conto di avere tanti resti di formaggi e salumi immangiabili da soli ma ottimi ingredienti per questo plumcake. Io lo chiamo PLUMSOFFICE perchè, mangiato tiepido, è morbidissimo. Tagliato a fettine può costituire un ottimo pane farcito per un buffet. La preparazione è semplice e veloce perchè l'impasto va fatto nel mixer. 


Ingredienti:
200 gr di farina
70 gr di burro
2 uova
1/2 bicchiere di latte
2/3 di cubetto di lievito di birra
resti di formaggio e di salame

Sminuzzare nel mixer i formaggi ed il salame  aggiungere gli altri ingredienti. L’impasto deve venire piuttosto duro. Disporlo a cucchiaiate in uno stampo per plumcake. Mettere in forno a 50° per 1/2 ora, il plumcake lieviterà. Aumentare la temperatura a 180° , dopo un quarto d’ora di cottura a questa temperatura il plumcake è pronto. Consiglio di fare sempre per la cottura la "prova stecchino". Servirlo tiepido o freddo.

Il mio stampo da plumcake ha la capacità di 1,5 litri.



giovedì 24 marzo 2011

Quiche di melanzane




Leggendo il tuo invito al contest e quello che hai raccontato di te posso dire che anche per me il giorno della laurea rimane uno dei più belli della mia vita. A questo però  aggiungo anche il giorno della laurea dei miei due figli, una emozione ancora più grande.

Ingredienti:

Sfoglia: 250gr di farina
125 g di latte tiepido
15 g di lievito di birra
15 g di zucchero
65 g di burro
1/2 cucchiaino di sale

Ripieno:
due melanzane
1 uovo
150 g di scamorza
mezzo bicchiere di latte
due cucchiai di parmigiano
olio di arachide
sale

Tagliate a dadini le melanzane e fatele soffriggere nell'olio con uno spicchio d’aglio che poi toglierete. Allestite la sfoglia impastando bene tutti gli ingredienti sulla spianatoia, la pasta non deve lievitare. Stendete la pasta su un foglio da carta forno e disponete la sfoglia nello stampo con tutta la carta, non serve imburrare. Tagliate la scamorza a dadini, unite le melanzane e disponete il tutto sulla sfoglia. A parte sbattete l’uovo con il latte ed il parmigiano e versatelo sulla dadolata. Ripiegate il bordo della sfoglia sulla farcia e fate cuocere  in forno per  30′ a 180°.
Servitela calda.

In genere la quiche si prepara con una pasta frolla salata o con la brisée, io però preferisco questa sfoglia con il lievito di birra perchè la pasta non deve riposare e i tempi di preparazione si accorciano. La misura del mio stampo è 26 cm.



martedì 22 marzo 2011

Fusilli con sugo di salsiccia e funghi




Domenica ho pranzato da mia madre e lei ha preparato questo ottimo primo piatto. 
Fra gli ingredienti che lo rendono speciale ed unico il suo amore nel cucinare per i figli e i nipoti.  

Ingredienti:  Fusilli caserecci, salsiccia, funghi porcini secchi, sugo di pomodoro, aglio, olio evo, formaggio parmigiano o pecorino, sale e pepe.

In una padella saltapasta fate soffrigere l'aglio nell'olio evo, aggiungete la salsiccia spellata e sgranata e fatela rosolare. Aggiungete i funghi, precedentemente ammollati in acqua, e fate insaporire per qualche minuto. Versate nella padella la passata di pomodoro e fate cuocere fino a che il sugo non sia "tirato", ci vorranno circa 40 minuti. Scaldate la pasta, versatela nella padella del sugo, amalgamate bene, impiattate e aggiungete del formaggio.

Non ho messo le proporzioni degli ingredienti perchè, essendo così golosi, ognuno può "abbondare" in quello che gli piace di più, io lo faccio con i funghi! Mia madre prepara il sugo setacciando "a mano" il pomodoro pelato. Con questo sugo, mantenendolo un poco più morbido, potete condire anche le tagliatelle.

venerdì 18 marzo 2011

Muffins all'arancia


Ieri pomeriggio, ero in cucina impegnata a lavorare per gli scrutini del secondo trimestre e, fra un calcolo di assenze ed una media, ho fatto una "pausa dolce", quelle che più mi piacciono, preparando questi muffins deliziosamente profumati all'arancia.


Ingredienti: 225 gr di farina bianca, 50 gr di zucchero, 1 cucchiaino di lievito per dolci in polvere, 175 ml di latte, 50 ml di succo d'arancia, 1 uovo, un pizzico di sale, scorza grattugiata di arancia non trattata.

Accendete il forno a 180° C. Ungete ed infarinate una teglia da forno con stampini per muffins da 6,5 cm di diametro. Mettete in una terrina tutti gli ingredienti secchi, farina, lievito, zucchero, scorza d'arancia grattugiata e sale e mescolate bene per far si che avvenga una buona lievitazione. In un'altra terrina più capiente mescolate gli ingredienti liquidi, uova, latte e succo d'arancia. Versate il composto solido nella terrina dei liquidi e mescolate bene. Mettete il composto a cucchiaiate negli stampini per tre quarti della loro capacità ed infornate per 25-30 minuti fino a quando i muffins non saranno ben lievitati. Aprite il forno, lasciate raffreddare i muffins nel forno per 5 minuti, poi sformateli e metteli a raffreddare prima di servire.

Con questa dose vengono 10 muffins. La mancanza di grassi, nella ricetta non c'è olio nè burro, li rende meno soffici ma il sapore è comunque ottimo.

mercoledì 16 marzo 2011

Melanzane marinate




Le melanzane marinate costituiscono un ottimo contorno, ad esempio per carni al sugo, o un ingrediente per gustosi panini. Coperte d'olio si conservano in frigo per due o tre giorni.



Ingredienti: melanzane, olio di oliva extravergine, aglio, aceto, peperoncino piccante, acciughe salate (se piacciono), prezzemolo, sale e pepe

Tagliate le melanzane a fette di circa 4/5 mm di spessore senza togliere la buccia. Grigliatele e fatele raffreddare. Sistematele in una terrina e , strato dopo strato, disponetevi sopra l'aglio, il peperoncino, il prezzemolo, le acciughe, sale e pepe, coprite con un miscuglio di olio e aceto. Prima di servirle, lasciarle marinare per qualche ora.

Io non aggiungo le acciughe, utilizzo l'aceto di mele ed il prezzemolo lo uso solo per guarnire. Secondo i gusti le melanzane si possono anche sbucciare. Per praticità, griglio le melanzane in una padella antiaderente che uso allo scopo.




lunedì 14 marzo 2011

14 marzo- Pi Day- Giorno del Pi Greco

Dal 1988 la comunità matematica mondiale festeggia il 14 marzo il numero  π ( pi greco). Fra le tante informazioni su questo numero irrazionale trascendente che appare ovunque in matematica, nei cerchi ma anche in problemi collegati all’economia e alla statistica, vi voglio segnalare una curiosità.

"È dimostrato scientificamente che se la vostra data di nascita (scritta come GMA o anche AMG, con l'anno di al massimo 2 cifre) si trova nei primi 10 milioni di cifre di  π siete un genio, forse incompreso, della matematica. Se poi la vostra data non si trova, siete geni della matematica comunque, basta volerlo."

Per scoprire la vostra genialità potenziale provate a giocare, potete farlo qui:

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici basta cliccare sui link sotto.

sabato 12 marzo 2011

QUADRATI MAGICI

Si dice quadrato magico di ordine n (n numero naturale) un quadrato diviso in n2 caselle quadrate (come quelle di una scacchiera), in ciascuna delle quali sia collocato un numero in modo che la somma dei numeri di ciascuna riga orizzontale, delle colonne verticali e delle diagonali sia la stessa per tutte. Tale somma è detta costante magica.



Nella foto vedete a sinistra un quadrato di ordine tre costituito da nove caselle. Questo quadrato è detto fondamentale perché i numeri si succedono nell’ordine naturale ( da 1 a 9), da sinistra a destra , in ciascuna riga procedendo dal basso verso l’alto ( o viceversa). Il quadrato fondamentale di ordine tre, essendo di ordine dispari, ha magiche le diagonali, la riga mediana e la colonna mediana. La costante magica è 15 perché sommando i numeri sulle diagonali (7+5+3, 9+5+1), sulla riga mediana (4+5+6) e sulla colonna mediana (8+5+2) si ottiene 15.
E’ facile passare dal quadrato fondamentale a quello magico a destra nella foto, basta ruotare di 45° le mediane nello stesso senso, intorno al centro, in modo che occupino il posto delle diagonali e le diagonali di 135° in senso contrario in modo che diventino mediane. Il quadrato magico ottenuto è di ordine tre e la costante magica è 15. 
Nella rotazione di 45 ° un numero si sposta nella casella adiacente, nella rotazione di 135° un numero si sposta di tre caselle.

Se ti è piaciuto questo post condividilo con i tuoi amici cliccando sui link sotto. Grazie!

mercoledì 9 marzo 2011

Vermicelli con i broccoli di foglia

 

Stamani al mercato ho comprato tre fasci di broccolo del Vallo di Diano, un ortaggio da foglia coltivato in provincia di Salerno, ed ho preparato questo primo piatto veramente gustoso.
I terreni su cui è coltivato il broccolo sono di estensione ridotta e molto umidi, poveri di calcare, ma ricchi di sostanza organica che da ad esso un gusto particolare.
Si presenta con stelo centrale corto e corposo e foglie verde scuro brillante, a margine seghettato. Viene coltivato in inverno e, dopo la raccolta effettuata a mano, viene pulito, privato delle parti non idonee al consumo e preparato in mazzetti legati da rametti. Così viene commercializzato fresco ed è utilizzato nella preparazione di piatti tradizionali, come pizze rustiche e insalate, e per condire la pasta.

Ingredienti: vermicelli, broccoli di foglia (3 fasci), olio evo, 2 spicchi d'aglio, peperoncino forte, parmigiano e pecorino a piacere, sale.

Procedimento: cuocete per qualche minuto i broccoli in una pentola di acqua bollente salata e poi sgocciolateli senza premerli. Non gettate via l'acqua di cottura perchè in quella stessa dovrete in seguito calare la pasta. In una padella capiente fate rosolare l'aglio nell'olio, toglietelo quando è biondo, aggiungete i broccoli con il peperoncino e il sale, e finite di cuocerli a fuoco moderato. Portate a bollore l'acqua messa da parte, lessatevi i vermicelli, scolateli e metteteli nella padella della verdura, lasciandoli insaporire e rigirandoli continuamente per uno o due minuti a fuoco lentissimo. Nello spegnere la fiamma aggiungete i formaggi mescolate e servite subito.

Io non ho aggiunto i formaggi.



Condividere

Questo blog è iscritto a: cucina.ilbloggatore.com sito che invito a visitare perchè ricco di ricette, cucina e specialità gastronomiche, direttamente dal mondo dei blog.  

lunedì 7 marzo 2011

Crostata di uova e ricotta



Un'idea per il buffet di Carnevale è questa crostata buona e, come tutte ricette che vi posto, facile da preparare. Si può mangiare tiepida ma è ottima anche fredda. Potete utilizzare anche una pasta brisee o sfoglia già pronta. La ricetta della pasta frolla salata che vi propongo, presa dal sito di Misya, non ha bisogno di riposare ed è per questo molto pratica!


Ingredienti- per la pasta frolla salata: 300 gr di farina, 1 uovo, 80 gr di burro, 50 ml di acqua, 1 cucchiaino di sale

per il ripieno: 300 gr di ricotta fresca, 2 uova,100 gr di prosciutto cotto, 80 gr di parmigiano, sale, pepe e noce moscata

Preparate la pasta e, senza farla riposare, spianatela ed usate la sfoglia per foderare uno stampo di 26 cm di diametro rivestito di carta forno. Setacciate la ricotta, mescolatela con le uova sbattute, aggiungete il parmigiano ed il prosciutto tagliato a piccoli pezzi. Aggiungete al composto il sale, il pepe e una spolveratina di noce moscata. Rimestate con cura e versate all'interno della crosta preparata in precedenza. Livellate la superfice, guarnite con strisce di pasta ed infornate a 200° C per circa 40 minuti.




venerdì 4 marzo 2011

Biancomangiare



Semplicissimi, piccoli e buoni budini indicati per i bimbi e per gli adulti che si sentono bambini.

 
Ingredienti: 1/2 litro di latte- 150 gr di zucchero- 60 gr di amido in polvere- la buccia di un limone- 6 cocottine di vetro

Procedimento: Mescolate amido e zucchero. Aggiungete il latte poco per volta, unite la buccia di limone e, sempre mescolando come per una crema, fate rapprendere lentamente il composto su fuoco moderato. Quando sarà ben denso, dopo aver tolto la buccia di limone, riempite con esso le cocottine e guarnitele con filetti di buccia di limone. Ricoprite ogni cocottina con la pellicola trasparente e tenetele in frigo fino al momento di servire.